ESPERIENZA ED INNOVAZIONE

Potenziata, rinnovata e all’avanguardia. Cordivari dispone di un’unità produttiva di finitura metalli volta a garantire un servizio di zincatura conto terzi senza eguali, un impianto tra i più avanzati presenti sul territorio nazionale, sostenibile, a basso impatto ambientale, sicuro e totalmente automatico.
Il nuovo impianto di zincatura a caldo ci consente di offrire un servizio eccellente e all’avanguardia. La vasca di zincatura, che misura mm 6000 x 1600 x h.2500, permette di effettuare le lavorazioni delle strutture di carpenteria metallica, fino a un massimo di 6200 mm (6400 mm per alcune tipologie di travi in diagonale), garantendo affidabilità e qualità dei risultati. Il processo di zincatura Cordivari è garanzia di una protezione senza pari contro la corrosione e di risultati estetici di eccellenza.

ZINCATURA A CALDO: FUNZIONE E VANTAGGI

La zincatura a caldo è un procedimento termochimico che svolge la duplice funzione di accrescere la resistenza all’uso dei manufatti in ferro, proteggendoli dalla corrosione, e garantire tempi di utilizzo enormemente più lunghi rispetto a manufatti non protetti.

La zincatura a caldo avviene mediante immersione del manufatto in un bagno di zinco fuso del tipo SGH, iperpuro al 99,999%, ad una temperatura di circa 450°C. Durante l’immersione, lo strato superficiale del materiale sottoposto a zincatura si fonde legandosi allo zinco e formando così un rivestimento protettivo.

Questo rivestimento crea uno strato protettivo assolutamente impermeabile, sia nelle parti interne che esterne, oltre a donare un aspetto estetico estremamente gradevole al manufatto e a garantire una pronta posa in opera.

LE FASI DEL PROCESSO DI ZINCATURA A CALDO

Il ciclo di zincatura a caldo prevede 8 passaggi:
1) SGRASSAGGIO
2) DECAPAGGIO
3) LAVAGGIO
4) FLUSSAGGIO
5) PRERISCALDAMENTO
6) ZINCATURA
7) RAFFREDDAMENTO
8) FINISSAGGIO.

L’impiego della migliore materia prima, unito al continuo controllo degli standard qualitativi realizzato dal laboratorio di analisi interno, garantisce al cliente Cordivari un servizio eccellente ed un risultato di assoluta qualità.

PRETRATTAMENTO AUTOMATIZZATO CON ZERO EMISSIONI

Le fasi del pretrattamento, totalmente automatizzato e all’avanguardia, avvengono in dodici vasche: due destinate allo sgrassaggio, otto per il decapaggio, una per il lavaggio ed una con sale triplo per il flussaggio. Al suo interno la movimentazione automatica delle traverse, su cui viene caricato il materiale da zincare, avviene dopo che l’operatore richiama sull’HMI (sistema di interfaccia automatico) la ricetta corrispondente al tipo di materiale da zincare. Dopo il pretrattamento, la trave viene posizionata ad asciugare all’interno di un essiccatoio, per poi procedere con l’avvio della fase di zincatura. Tutto il reparto è incapsulato in un tunnel aspirato per evitare la fuoriuscita di vapori, che vengono abbattuti per mezzo di uno scrubber prima di essere reimmessi in ambiente. Questo processo di abbattimento consiste nel lavaggio dei fumi: i vapori vengono convogliati all’interno dello scrubber, in cui l’aria viene depurata prima di essere rimessa in circolo, eliminando le particelle inquinanti. Questo processo ci consente di portare a termine un pretrattamento dei materiali a impatto zero e garantisce un ambiente di lavoro assolutamente salubre e sicuro.

CONSIGLI PER UNA ZINCATURA PERFETTA

Per una zincatura perfetta è importante che il materiale da trattare rispetti dei requisiti indispensabili:

LA PULIZIA DELLA SUPERFICIE: il manufatto non deve presentare materiali che risultino non eliminabili dal processo di decapaggio, quali grasso, silicone, scorie di saldatura, tracce di vernice ed ogni altra sostanza esterna che ne alteri l’omogeneità.

LA SALDATURA: è consigliabile adottare un sistema di saldatura automatico o a ciclo continuo. In questo modo si evita che zone non perfettamente zincate siano poi intaccate dalla ruggine. In caso di pezzi sovrapposti, i pezzi devono essere uniti da saldatura continua con molta cura e ben ripuliti da scorie. Al fine di evitare sfiati eventuali di gas, con conseguenti pericoli di deformazione del manufatto, è importante dotare di un foro passante una sola delle superfici sovrapposte.

FORATURA PREVENTIVA DEI MANUFATTI CAVI: tenendo presente che i manufatti vanno zincati in posizione inclinata, si raccomanda di praticare le forature opportune, per consentire l’entrata dello zinco ed il deflusso dell’aria. Pertanto, sia per i profili cavi (scatole o tubi) che per i manufatti più grandi (serbatoi), bisogna provvedere alle suddette forature, prestando attenzione alle zone in cui lo zinco si depositerà.

ZINCATURA DI DIVERSI MATERIALI: acciai particolari o ghisa devono essere uniti a laminati normali solo dopo la zincatura, a causa dei tempi di decapaggio differenti.

L'IMPORTANZA DELLA FORATURA PER LA ZINCATURA A CALDO

I materiali da sottoporre al trattamento dei metalli con zincatura devono essere tutti forati, in modo da non lasciare cavità d'aria e permettere allo zinco di entrare e fuoriuscire.
È indispensabile provvedere alla foratura dei piccoli manufatti da zincare, praticando fori dal diametro minimo di 4 mm, al fine di permettere un ottimale agganciamento per l’immersione. Mentre per manufatti di grandi dimensioni è invece necessario saldare agli stessi degli anelli.

Per migliorare la sua esperienza di navigazione, il sito web Cordivari utilizza diversi tipi di cookie, tra cui: Cookie di tipo funzionale, Cookie di tipo pubblicitario, Cookie di tipo statistico. Pe saperne di più o per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie, può consultare l’informativa cliccando qui. Cliccando su ACCETTA o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa ai sensi degli artt. 13 e 14 del reg.to UE2016/679